Pagine

domenica 13 gennaio 2013

Pici&Patate


Alcune considerazioni prima di impastare a mano:

1. Toglietevi lo smalto,
 lo so che lo avevate steso sulle unghie giusto ieri sera,
in quei fatidici 30 secondi intercorsi tra l' indossare il cappotto e il terzo squillo del fidanzato, 
quello che...
 la speranza è l'ultima a morire, la speranza cioè che non stiate facendo quello che state facendo, 
ma puntualmente delusa al dodicesimo squillo, 
quando cioè vi vede avanzare nello specchietto retrovisore con le braccia spiegate nel volo di un uccello, sventolando le mani ed urlando "amore mi apri la portiera?"
Ebbene, il vulcan rouge si abbina al vestitino girofiga che avete indossato per farvi perdonare il ritardo, 
non sta bene nella pasta del pranzo domenicale,
 quando proverete a dire che quei piccoli pois rossi sono dovuti ai semi dell'albero dei pici, particolare pianta delle colline senesi che generano semi rossi dall'aspetto modaiolo, e da cui deriva il nome della vostra pasta.


Per fortuna avete a disposizione una maestra decisamente migliore di me ;), 
 Patty ci ha dato tutte le indicazioni necessarie a "filare" i pici nel modo giusto...
e io mi sono divertita moltissimo, ammetto che i primi pici son venuti un pò grossi.. ho poi affinato anche io la tecnica e sono riuscita a farne alcuni davvero lunghi, credo superiori al metro di lunghezza, che ho spezzettato in più parti per renderli omogenei alla "forchettata", 
la mia lunghezza ideale è sui 30 cm, anche considerando che ho proposto un classico della tradizione napoletana che solitamente si fa con la pasta corta, o mischiata.
E quindi un ringraziamento grandissimo a Patty per aver condiviso i suoi segreti di cucina e alle due ragazze spericolate dell' MTC per consentirci ogni mese di giocare e divertirci..

Per i PICI della Patty:

200 gr di farina 00
100 gr di farina di semola rimacinata
2 generosi cucchiai d’olio extra vergine
1 pizzico di sale
acqua – qb –

Nota: La quantità di acqua è variabile dal tipo di farina che userete. In genere per questa quantità di farina un bicchiere o poco meno è sufficiente, ma sta a voi osservare quanta ne incorpora il vostro impasto per essere morbido e malleabile. 
La proporzione dell'uso delle 2 farine è sempre 2:1, ovvero due parti di 00 ed una di semola rimacinata che conferisce struttura all'impasto. In questa maniera non avrete bisogno di uova. 
Fate la fontana con le due farine miscelate. Versate l’olio, il pizzico di sale e cominciate a versare lentamente l’acqua, incorporando la farina con una forchetta. Attenzione al sale. Non esagerate perché questo indurisce la pasta.
Quando la pasta comincerà a stare insieme, cominciate ad impastare con energia utilizzando il palmo delle mani vicino ai polsi. Se necessario, aggiungete acqua o farina.
Piegate la pasta su se stessa come quando impastate la pasta all’uovo e non stirate mai troppo l’impasto per non sfibrarlo. 
“Massaggiate” con energia per almeno 10 minuti. Ricordatevi che la vostra “palla” di pasta è una cosa viva, dovete volerle bene.
Dovrete ottenere una pasta liscia, vellutata e abbastanza morbida.  
Fate riposare una mezz’ora avvolta nella pellicola.



PICI & PATATE
1 patata piccola per persona ( nel mio caso 3 ) +  1 per la pentola
1 carota piccola
1 costa di sedano
mezza cipolla 
1 cucchiaio di strutto
1 cucchiaio di olio evo
1 foglia di alloro
sale
pepe
costa di parmigiano
per un extra goloso:
un velo di strutto
scamorza affumicata
parmigiano


preparate sedano, carota e cipolla in piccoli cubetti, fateli soffriggere lentamente insieme al cucchiaio di strutto e olio evo, partendo con la pentola a freddo.
Pelate le patate e tagliatele a cubetti di diversa dimensione, in tal modo, in cottura, alcuni saranno completamente disfatti, creando così un brodino cremoso, e altri manterrano forma e consistenza.
Quando il soffritto è pronto (circa 20 min), versate i cubetti di patata in pentola, fateli tostare dai 5 ai 10 minuti, aggiungete l'alloro, la costa di parmigiano, e coprite con acqua tiepida fino a superare di 3 cm gli ortaggi, aggiungete il sale e lasciate cuocere fino a raggiungere questa consistenza:


Ponete sul fuoco una pentola con l'acqua per cuocere i pici,  al bollore salate e cuocete la pasta al dente,  scolatela, conditela con un filo di olio evo, pepe, alcuni mestoli di sugo di patate, e parmigiano.
Preparate delle cocotte, ungetele con pochissimo strutto, versate un pò di condimento alle patate sul fondo,  poi un bel nido di pici, versate altre patate e coprite con scamorza e parmigiano grattugiato.
Infornate al grill dai 10 ai 15 minuti...

enjoy!



ma non è finita qui!

A gennaio cade per me il compleanno della partecipazione all'MTC per cui vorrei contribuire anche io con il mio amarcord!


Gennaio 2013 "i Pici"
Novembre 2012 "Le Arancine"
Ottobre 2012 " Il Pane Dolce del Sabato"




Settembre 2012 "La Torta Pasqualina"

Luglio 2012 "I Gelati"


Giugno 2012 "La Scaloppina"
Maggio 2012 " Il Budino Salato" 




Aprile 2012 " La Frangipane"



Marzo 2012 "Le Crepes"
Febbraio 2012 "Il Patè"

Gennaio 2012 "Le Tagliatelle"







12 commenti:

  1. Con L'MTC di questo mese c'è varamente da deliziarsi. Complimenti a te e alla Pici.
    Ciano

    pastaenonsolo.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. é proprio così! garzie e a presto cara!

      Elimina
  2. La dico?
    tienti forte, eh, che ora vado....

    "con questo post, giulia rispolvera lo smalto dei vecchi tempi"- dixi, pure in Fb, dove ci leggono proprio tutti. Ma ormai è fatta, mi sa...
    Senti, grande idea. E' tutto il giorno che dribblo fra le varie interpretazioni regionali dei pici, ma questa non me l'aspettavo. L'associo sempre alla pasta mista e corta, la ricetta dell pasta e patate, e non avrei mai pensato di abbinarla ai pici. invece, ora che ho letto la tua ricetta, la trovo non solo plausibile, ma anche estremamente allettante: immagino un piatto di quelli che si sciolgono in bocca, l'apoteosi del comfort food, il meglio del meglio delle serate invernali e ti assicuro che se avessi una di quelle cocotte qui di fronte sarei una donna felice. Perfetta anche la riproposizione di una ricetta antica, fedelissima alla tradizione.
    La carrellata finale mi mette nostalgia... il tempo che passa, etc etc. ma ci credi se ti dico che me le ricordavo tutte,le tue ricette? dai cucchiaini commestibili per il paté alla frangipane griffata... e come si fa, a dimenticarli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hehehe..adoro impastare, e adoro lo smalto..due passioni che non si abbinano bene! solitamente lo tolgo prima :)
      Le foto le ho scattate ad una porzione preparata apposta per voi, quindi ha avuto il tempo di intiepidirsi e di assestarsi, avrei potuto anche sformarla, e la cosa mi ha ispirato non poco, simile ad un gateu di pasta e patate, e quella appena sfornata invece un tripudio di morbida bontà. La carrellata mi ha emozionato non poco, visto che con l'mtc a giocare giochiamo..ma soprattutto impariamo!

      Elimina
  3. mi piace molto molto
    e grazie per le risatine che mi hai regalato ad immaginare questa scena familiare ^^

    RispondiElimina
  4. son qui che rido. ed è un piacere. perché l'MTC è anche questo.
    un post con un'idea originale e felicissima, e un sacco di ironia.
    complimenti, un post delizioso.
    e complimenti per la carrellata, bellissimo amarcord!

    RispondiElimina
  5. Bellissimo il tuo ripasso....ed i tuoi pici!
    Con quella crosticina sono veramente molto appetitosi, mi piace l'idea e la realizzazione.
    Un saluto

    Fabi

    RispondiElimina
  6. Cara mia che carrellata! ottimi i consigli all'inizio, e bellissimi i pici!
    Baci
    Sandra

    RispondiElimina
  7. Mi hai fatto troppo ridere e ti ho anche immaginata con quelle manucce che cerchi di farti asciugare lo smalto mentre sei in ritardo all'appuntamento! Sei pazza completamente. E si, forse è meglio non avere unghie troppo psichedeliche se si deve impastare a meno che non si voglia dare una nota acida all'impasto che magari si adatta al condimento ;)
    Di fronte alla tua proposta, mi vedo esattamente uguale a Toto che affonda la mano negli spaghetti e la porta direttamente in bocca calandola dall'alto....ed non avrei neanche pudore a mangiare a bocca aperta con tanto di rumoracci masticatori, tanto il godimento. Come diceva una certa canzone di saggia verità, scusatemi, non sono una signora!
    Graandissima un abbraccione tutte per te!
    PAt

    RispondiElimina
  8. Buonissimi questi pici e... buon MTCompleanno!!!!

    RispondiElimina
  9. Cara Giulia, complimenti per il tuo blog, è molto carino! Ciao tanti complimenti per il blog, è molto bello!

    Vogliamo invitarti a conoscere un nuovo modo di divulgare, condividere e cercare ricette on line. Viaggia fra le più belle immagini food italiane, in un portale da mangiare con gli occhi...

    Abbiamo centinaia di foodbloggers fra i nostri utenti, il tuo blog è molto bello e potrebbe far parte del nostro socialfood!

    Visita adesso http://www.foodlookers.it

    Lo staff Foodlookers

    RispondiElimina
  10. Ne vorrei un bel piatto, proprio adesso... Fantastici! Ciao, Sarah

    RispondiElimina

Qualsiasi parere, idea, suggerimento, sono bene accolti, grazie a chiunque vorrà dedicarmi un minuto per farmi conoscere la sua opinione :)